Micro influencer e affiliate marketing

  • Scritto da

Anche nell’affiliate marketing i micro influencer sono molto importanti per migliorare la brand awareness e  aumentare la reach.

Condividi

Micro influencer e affiliate marketing

Che il tuo obiettivo sia monetizzare i tuoi contenuti e sviluppare una fonte di entrata parallela, oppure che desideri semplicemente farti conoscere, l’affiliate marketing è un valore aggiunto. Non è certo un segreto, gli influencer stanno diventando sempre più importanti per aziende di prodotti e servizi. Tuttavia, molti brand preferiscono scegliere i micro influencer, molto forti su una nicchia specifica, per promuovere i loro prodotti o servizi.

Continua a leggere per scoprire chi sono i micro influencer, come entrare a far parte di questa categoria di publisher e perché l’affiliazione offre un’opportunità vantaggiosa sia per le aziende sia per gli stessi influencer.

Chi sono i micro influencer?

Come suggerisce il nome stesso, un micro influencer è un influencer che  offre contenuti molto settoriali e si rivolge a una audience più piccola e coinvolta della media. In generale infatti, gli influencer sono content creator online con un pubblico esteso di follower, su una o più piattaforme social, che si tratti di Instagram, Pinterest, YouTube o altro. Le aziende si affidano agli influencer per promuovere i  prodotti perché sanno di poter contare sulla loro audience, che si fida di loro e delle loro opinioni. Mentre un influencer famoso può vantare milioni di follower, i micro influencer hanno un seguito più ridotto e offrono contenuti di nicchia.

Non c’è una regola fissa o una catalogazione standard, ma solitamente un micro influencer ha tra 1.000 e 10.000 follower. Potrebbero sembrare pochi rispetto alle audience di altri grandi nomi del settore, ma avere un migliaio di persone che ti seguono è comunque un grande vantaggio per i brand.

Oggi gli influencer più famosi sono uno strumento promozionale potentissimo, ma non possono essere considerati un’opzione low cost per i brand, soprattutto per quelli più piccoli. Convincere una star di TikTok con milioni di follower a promuovere un determinato brand e i suoi prodotti è tutt’altro che semplice, mentre i creator più piccoli potrebbero rivelarsi molto preziosi per la tua strategia di marketing. Sebbene non possano offrire la stessa reach, possono infatti contare su una audience più coinvolta e in costante crescita. Il brand potrebbe accedere comunque a un pubblico fedele, che si fida dell’opinione del micro influencer e che è più propenso ad acquistare i prodotti sponsorizzati che propone. Stringere partnership con i micro influencer prima che diventino “famosi” potrebbe quindi rivelarsi un’ottima strategia, soprattutto se si prevede che crescano nel breve periodo.

Allo stesso tempo, grazie alle collaborazioni per promuovere prodotti e servizi, i micro influencer possono guadagnare e far crescere il proprio seguito, affermandosi come una fonte affidabile e quindi favorendo la crescita della propria audience. E’ una situazione win-win per entrambe le parti.

Come diventare micro influencer

Non esiste un metodo certo per avere successo nel mondo del micro influencer marketing, anzi, è probabile che prima serva un po’ di tempo per tastare il terreno. Tuttavia, ci sono molte cose che puoi fare per personalizzare i tuoi contenuti e generare buoni risultati.

Scegli la tua nicchia

I micro influencer rivestono un ruolo autorevole all’interno della loro nicchia specifica. Per ottenere un buon seguito devi però creare regolarmente dei contenuti mirati, che incoraggeranno la tua audience a tornare da te. Blogger, fitness model, travel photographer o altro ancora: non importa chi sei, per diventare una fonte affidabile devi dimostrare di conoscere bene il tuo settore e avere passione per quello che fai.

Meglio scegliere una nicchia che non sia già troppo satura di influencer, ma allo stesso tempo non così esclusiva da limitare la possibilità coltivare la tua audience. I micro influencer se la cavano bene nei settori meno mainstream, in cui è possibile conquistare un pubblico interessato, soprattutto per gli argomenti che non hanno ancora generato una concorrenza agguerrita. Se stai esplorando l’affiliate marketing da micro influencer, non porre troppi limiti alle tue possibilità. I brand tendono a preferire le collaborazioni con chi dimostra di essere affidabile e competente in un campo affine ai loro prodotti o servizi.

Pubblica i tuoi contenuti con costanza

Indipendentemente dal format scelto per i tuoi contenuti, la costanza è importante. Puoi scegliere di postare una volta al giorno, ogni due giorni o una volta alla settimana: in ogni caso, cerca di rispettare sempre un calendario editoriale ben definito. Realizza dei contenuti che possano piacere davvero ai tuoi follower e resta fedele alla struttura delineata, così sapranno sempre quando tornare da te per prendere spunto ad esempio da una determinata rubrica. Diversamente, senza una solida programmazione di contenuti rischi che la tua audience perda interesse (e fiducia) in te.

Devi riuscire a comprendere a fondo il tuo pubblico e quello che sta cercando, diventando così un punto di riferimento a cui rivolgersi per avere informazioni, intrattenimento e consigli.

Costruisci la tua community

Saper coinvolgere la propria audience è un altro dei segreti per avere successo come micro influencer. In un certo senso anche gli influencer sono dei brand, ma ciò che li rende così importanti nel marketing è la loro capacità di “umanizzare” un approccio che altrimenti risulterebbe troppo aziendale e artefatto. E questo è imprescindibile per i micro influencer: avere una audience ristretta significa poter creare un legame più intimo con i follower, guadagnando così la loro fiducia. Ecco perché è essenziale creare un rapporto solido con la community che hai coltivato, sfruttando strategie mirate come lasciare commenti, mettere like ai post e ricambiare i follow.

Scopri cosa funziona meglio

Restare costantemente aggiornati è cruciale: non perdere le ultime tendenze dei social media e le sue best practice. La configurazione del tuo account, il modo in cui imposti i tuoi contenuti e la costruzione della tua brand identity sono tutti fattori estremamente importanti per raggiungere un pubblico quanto più vasto. Tieni d’occhio gli altri influencer e cerca di capire cosa funziona e cosa no. Controlla quali hashtag stanno performando meglio e quali sono le tipologie di post che generano maggiore engagement. Scopri come utilizzare le call to action (CTA), come condividere i link e così via.

Nella loro semplicità, le CTA (solitamente frasi di poche parole che incoraggiano gli utenti a compiere un’azione specifica, come “Compra ora”, “Inizia subito a risparmiare” ecc.) possono avere un impatto enorme. Sapere come crearle in base a chi ti segue è fondamentale.

Per ottimizzare l’attività su Instagram, dove i link non possono essere condivisi direttamente all’interno dei post, dovresti registrarti a piattaforme come Linktree, che ti consentono di e ricordano ai tuoi follower di cliccare il link in bio ogni volta in cui pubblichi contenuti per l’affiliazione come micro influencer.

Stabilisci una strategia: decidi se pubblicare contenuti brevi a scadenza, ad esempio le Instagram Stories, o se preferisci video di breve durata per TikTok, Reel, YouTube Shorts e così via. Potresti scoprire che la tua audience predilige i contenuti scritti come i blog post (ad esempio le recensioni dei prodotti). Ciò che funziona per te e per il tuo pubblico dipenderà dalla nicchia e dalla fascia demografica che stai esplorando, quindi continua a fare ricerche nel tuo settore e controlla sempre cosa funziona meglio.

Offri contenuti nuovi e originali

Offrire una buona varietà di contenuti può aiutarti nella tua strategia. Ad esempio, potresti creare dei video in esclusiva per i follower di TikTok, oppure pubblicare alcune foto solo nel feed di Instagram o avere una Pinterest board per condividere contenuti che possano ispirare i tuoi follower. La costanza e la struttura sono importanti, ma questo non significa che tu debba puntare tutto su un solo canale. Al contrario, diversifica la tua produzione per ampliare la reach e assicurarti che i contenuti risultino sempre nuovi e interessanti.

Anche se il tuo obiettivo finale e legittimo è ottenere un guadagno dal micro influencer marketing, per raggiungere i tuoi risultati devi trovare un equilibrio tra contenuti sponsorizzati e organici. Non sei solo un “cartellone pubblicitario vivente”: ricordati di tenere i piedi per terra e di offrire tanti contenuti originali, nei quali tuoi follower possano riconoscersi, invece di continuare a postare un annuncio dopo l’altro. Condividere quasi esclusivamente post sponsorizzati potrebbe farti perdere la fiducia del pubblico.

I social sono in continua evoluzione e per avere successo come micro influencer dovrai evolverti anche tu. Anche dopo aver individuato una struttura e una brand identity che potrebbero farti crescere, non smettere mai di fare ricerche, testare e perfezionare il tuo approccio.

Quando finalmente il tuo pubblico inizierà a crescere, potrai interagire in maniera sempre più diretta con i brand, che noi chiamiamo advertiser. Per dimostrare di essere un partner affidabile e farti così prendere in considerazione, potresti cominciare a promuovere le aziende in modo organico, senza che ti venga chiesto di farlo e senza ricevere un compenso. Potresti addirittura fare tu la prima mossa, taggando il brand in un post, e riuscire così a stabilire un primo contatto per iniziare la collaborazione. Ciò detto, il metodo più efficace per i micro influencer che desiderano stringere partnership proficue con i brand è rappresentato dai programmi di affiliate marketing come quelli offerti sulla piattaforma Awin.

Monetizza la tua attività di micro influencer con l’affiliazione

Una volta raggiunto lo status di influencer, molto probabilmente saranno i brand a proporti di promuovere i loro prodotti. Per arrivare a quel livello dovrai prima lavorare duramente sulla tua reputazione e sulla tua audience. L’affiliate marketing è uno dei canali migliori che i micro influencer possono sfruttare per monetizzare i propri contenuti social, dato che le piattaforme come Awin creano uno spazio ad hoc in cui influencer e advertiser possono entrare in contatto. Invece di attendere che siano le aziende a contattarti tramite i social media, potrai utilizzare un programma dedicato per collaborare con i brand e i prodotti in linea con il tuo pubblico.

L’affiliazione per i micro influencer prevede la promozione di un’azienda o di un prodotto in cambio di una commissione sulle vendite.  La commissione e l’obiettivo della conversione possono variare, ma spesso l’influencer riceve una percentuale per ogni vendita che riesce a generare grazie ai suoi contenuti. La conversione potrebbe consistere anche nel numero di clic generati sul sito dell’advertiser, nelle registrazioni a un servizio, nelle sottoscrizioni di un abbonamento o altro ancora. I publisher, ovvero in questo caso i micro influencer, ricevono un link esclusivo alla pagina del prodotto o servizio, che possono poi condividere in qualsiasi tipo di contenuto: su Instagram, sul proprio blog personale, sul loro sito web, ecc. Ogni volta che un utente clicca sul link condiviso e effettua un acquisto, il nostro tracciamento permette la corretta attribuzione e dunque il pagamento della rispettiva commissione.

Grazie all’affiliate marketing, i micro influencer possono collaborare con i brand più adatti alla propria nicchia e promuovere prodotti che conquisteranno davvero la loro audience. Per fare un esempio, immagina di essere un micro influencer specializzato nelle recensioni di caffè e di avere poche migliaia di follower. Potresti lavorare con una nuova azienda di torrefazione in cerca di visibilità e recensire i prodotti sui tuoi canali. Dopo aver stretto la partnership e aver ricevuto l’approvazione al programma, potrai generare link di affiliazione da inserire nella tua recensione. Nel caso in cui il brand paghi una commissione in base alle vendite, riceverai il pagamento ogni volta che uno dei tuoi follower legge la recensione, clicca il link tracciato e acquista sulla pagina dell’advertiser.

Perché i brand dovrebbero prediligere i micro influencer?

Ci sono diversi motivi per cui gli advertiser considerano i micro influencer una risorsa preziosa. Prima di tutto, non sono costosi come gli influencer più famosi, ma permettono comunque di ottenere risultati notevoli. Inoltre, spesso i micro influencer hanno anche un rapporto più diretto e personale con la propria audience, mentre è meno probabile che i grandi influencer mantengano legami così stretti con i loro milioni di follower. I micro influencer hanno poi la possibilità di interagire di più, rispondendo ad esempio in privato, il che può favorire la promozione dei brand.

A meno che tu non stia cercando volontariamente di mantenere una audience più ristretta, è probabile che tu voglia continuare a crescere, proprio come molti altri micro influencer. Creare una partnership prima che questo accada permette ai brand di trarre grandi vantaggi.Entrambe le parti ci guadagnano, perché insieme possono crescere e aumentare i propri profitti.

Gli utenti dei social media tendono ad avvicinarsi più ai micro influencer che ai brand, perché i primi offrono un contatto umano autentico. Interagire con persone vere (anche se non le conoscono nella vita reale) è gratificante; l’endorsement di un prodotto da parte del micro influencer risulta più genuino rispetto alle pubblicità classiche dell’azienda. Per la stessa ragione per cui i consumatori apprezzano le recensioni dei clienti, gli influencer e in particolare i micro influencer trasmettono una sensazione di autenticità, pur mantenendo il loro status di esperti sull’argomento scelto.

Questo è anche il motivo per cui è così importante che i micro influencer facciano attenzione ai contenuti creati e ai brand che decidono di promuovere. Chi sponsorizza praticamente qualsiasi azienda e prodotto viene percepito come meno affidabile rispetto a un micro influencer che si concentra su qualcosa di specifico, come le recensioni di caffè del nostro esempio precedente. Spesso i grandi influencer vengono considerati troppo generici o mainstream per alcuni brand, mentre i micro influencer potrebbero rivolgersi direttamente alla loro nicchia di potenziali clienti.

I tool per publisher di Awin aiutano i merchant e i micro influencer a stabilire partnership vantaggiose e su misura per entrambe le parti. Esplora la nostra Advertiser Directory per trovare gli inserzionisti più adatti a te e alla tua audience. Inizia a guadagnare promuovendo i prodotti che ami.

Se sei già iscritto sulla nostra piattaforma ma hai qualche dubbio o domanda, contattaci.

 

Qui invece trovi un utile video tutorial sulla nostra piattaforma realizzato appositamente per influencer e content creator.