Awin mette al bando la plastica e diffonde il 'pensiero green'

  • Scritto da
  • .

Il nostro ufficio di Milano dice addio alla plastica monouso e rinnova l'attenzione a temi ambientali, a partire dai clienti. 

Condividi

Due mani che reggono una piantina

L'ufficio di Awin Italia ha detto addio alla plastica monouso, anticipando la direttiva dell’Unione Europea che vieterà l’utilizzo della plastica usa e getta entro il 2021. Nella sede di Milano quindi non è più possibile trovare bicchieri, cannucce, posate, piatti e nemmeno bottiglie di plastica.

Grazie alla riorganizzazione dell’ufficio e alla collaborazione del team, che ha accolto positivamente la novità (merito anche di nuove borracce e tazze da caffè brandizzate) si è compiuto un importante passo in avanti per la difesa dell’ambiente: non più “solo” riciclo quindi, ma un’azione concreta che possa dare l’esempio anche ad altre realtà del mondo digital, piccole e grandi.

Awin intende infatti incoraggiare discussioni su questo e altri temi di CSR all’interno dei tavoli di lavoro IAB, favorendo uno scambio di idee e best practice in tutta l’industry.

L’attenzione a temi di responsabilità sociale, ambientali e non, si era già tradotta in passato nel supporto a Legambiente e all’organizzazione di giornate di volontariato ad hoc. Nell’ultimo anno Awin ha allargato la rete di partner a cui offrire sostegno, arrivando a comprendere anche l’Opera Cardinal Ferrari, la mensa dell’Opera San Francesco e l’AVIS.

Non solo, anche a livello di business Awin è fiera di poter annoverare tra i suoi clienti italiani brand emergenti che stanno rivoluzionando il concetto di charity, spingendo ad acquisti più consapevoli e ad una nuova modalità di fare ecommerce. E’ il caso ad esempio di Worth Wearing, un marketplace online di fundraising che consente di realizzare gratuitamente t-shirt e gadget personalizzati, fair trade ed ecosostenibili e di Treedom, piattaforma unica al mondo che permette di piantare un albero a distanza e contribuire al benessere socio-economico della zona.

La trasformazione digitale sta investendo il Terzo settore e l’affiliazione è in grado di fornire anche in questo caso il supporto e i giusti strumenti di cui necessitano questi business.

 

Condividi