Digital Marketing: le novità dal mondo dei Social Media

  • Scritto da
  • .
Data la natura in continua evoluzione del digital, e visto quanto c’è da imparare, vi presentiamo un nuovo appuntamento dedicato interamente al Digital Marketing! Alcuni membri del team Marketing zanox condivideranno le loro conoscenze ed esperienza. Oggi la nostra esperta di comunicazione sui social parlerà degli ultimi nuovi sviluppi del settore.

Condividi

social media, online advertising, performance

I social infatti sono ormai diventati essenziali per qualsiasi azienda, e fanno parte di ogni strategia di business che si rispetti.  A meno che tu non abbia budget a sufficienza per assumere un manager che se ne occupi, e che si tenga aggiornato su tutti gli ultimi trend di settore, i social possono rivelarsi un vero campo minato. Ecco perchè in questo articolo andremo ad esaminare i nuovi tool dei 3 big Facebook, Twitter e Instagram, parlando dell’impatto che hanno per chi si occupa di marketing.

Facebook – Più interazione con gli Instant Articles & Facebook Live

Sperando di migliorare la fruizione degli articoli da mobile, Facebook ha lanciato lo scorso anno Instant Articles: i primi partner selezionati (come The New York Times, BuzzFeed, The National Geographic) hanno avuto il permesso di ospitare i loro contenuti editoriali direttamente su Facebook, senza bisogno di aprire una nuova pagina del browser. Dal 12 Aprile, Instant Articles diventerà disponibile per tutti i publisher.  Alcuni importanti publisher come Wired hanno però espresso qualche preoccupazione  riguardo alla perdita di controllo su alcuni importanti elementi come il look-and-feel, i tassi di visualizzazione, le entrate derivanti dalla pubblicità, e anche per la nota predisposizione di Facebook nel modificare spesso i propri algoritmi. La risposta non si è fatta attendere, Facebook ha voluto tranquillizzare con questo annuncio e il futuro di questa nuova feature sembra promettente. C’è potenziale per raggiungere una audience ancora più ampia e migliorare il coinvolgimento di tutti gli utenti – piu facile sarà per gli utenti leggere i contenuti, più facile sarà per loro condividerli.

Inoltre sulla scia della popolarità di app come Periscope, che hanno fatto del live streaming il loro core business, Facebook non si è lasciato sfuggire quest’occasione offrendo a chiunque abbia un iPhone e si trovi negli Stati Uniti la possibilità di trasmettere video in tempo reale, e i piani sono di estendere il servizio in tutti i paesi nelle prossime settimane. Questo apre tutta una serie di nuove opportunità per i brand che potranno raggiungere nuovi e già fidelizzati consumatori in maniera più immediata e personale. Sarà possibile programmare sessioni di Q&A, mostrare demo di prodotti e far vedere il dietro le quinte degli eventi e della vita aziendale.

Twitter –  Un servizio clienti di qualità

L’80% delle richieste online al customer service di un advertiser avviene su Twitter. Solitamente rispondere al messaggio pubblico di un utente via messaggio privato può essere una discreta perdita di tempo, poichè uno deve seguire l’altro prima di poter iniziare la conversazione. Per facilitare questo compito Twitter ha previsto per le aziende la possibilità di inserire uno speciale tasto “invia un messaggio privato” nei propri tweet.

Inoltre, Twitter sta pensando di lanciare la possibilità di rispondere a un sondaggio chiamato “Customer Feedback” via messaggio privato. Gestire le richieste dei clienti sui social infatti può essere una vera spina nel fianco ma utilizzare un servizio gratuito, rapido ed utile di questo tipo farà meraviglie per la reputazione del tuo brand!

Instagram – Nuove metriche e durata dei video ad per migliorare la reach

Anche Instagram è ormai da qualche tempo diventato un canale di social marketing fondamentale per tutti i brand ma spesso si è costretti a ricorrere a stratagemmi per aggirare la mancanza di alcune funzionalità della app. Di recentemente Instagram ha rilasciato alcuni aggiornamenti per rendersi più marketing-friendly. L’ultimo update è stato un aumento della durata dei video pubblicitari dei brand, che sono passati da 30 a 60 secondi, lasciando più tempo per comunicare. Tuttavia i primi secondi di un video rimangono quelli davvero cruciali per catturare l’attenzione dell’utente. Un’altro problema è che i video pubblicitari sono spesso visti senza audio, lasciando così l’onere di creare un contenuto facilmente fruibile e d’impatto anche in modalità silenziosa.

Un altro update in programma è l’introduzione di nuovi criteri di misurazione delle visualizzazioni dei video. Attualmente l’unico modo per valutare la popolarità di un video su Instragram è contare quanti like ha ricevuto. Questo ovviamente non è un sistema preciso per contare le visualizzazioni di un video, perchè un utente può fare like senza nemmeno averlo visto. Permettendo ad un brand di valutare più accuratamente il successo della propria attività di video marketing, la nuova metrica potrebbe anche aiutarlo nel capire quale fetta di audience ha raggiunto con i suoi contenuti e quali partnership possono essere create per facilitare l’engagement su questo social.

Tieniti informato sulle attività di sviluppo di ogni social media: pensa a come potrebbe inserirsi nella tua strategia di marketing complessiva. Quello che funziona per un brand non è detto che funzioni anche per un altro. Detto questo, se puoi provare questi nuovi tool ad un prezzo contenuto, non avere paura di metterti in gioco!

a facilitare la partnershipaccurato, perchè a un utenteAnother planned update is the introduction of the new metric ‘video view counts’. Currently the only metric for judging an Instagram video’s popularity is the amount of likes it has. This isn’t necessarily an accurate method of video consumption as a user can like a video without viewing it. As well as enabling brands to better measure their own video marketing success, the new metric could also help to facilitate partnerships by providing improved visibility on which influencers truly reach a large audience with their content.


Condividi