10+ dritte per potenziare la tua strategia di affiliate marketing per tutto il 2019

  • Scritto da

All’inizio di gennaio, avevamo fatto alcune interessanti previsioni su cosa il 2019 potesse avere in serbo per il settore dell'affiliate marketing. Ogni strategia di marketing che si rispetti deve adattarsi ai cambiamenti del mercato ed essere pronta ad evolversi continuamente. Lo stesso quindi devono fare gli ecommerce e gli addetti al settore, vediamo insieme come.

Condividi

Iniziamo con le buone notizie: se l’affiliate marketing continuerà a seguire l’andamento avuto da inizio anno ad oggi, sicuramente continuerà a crescere. Finora il 2019 ha portato cambiamenti piuttosto drastici nel mondo retail e, in alcuni casi, ha coinciso anche con la scomparsa di store fisici piuttosto noti, favorendo un clima di generale incertezza. Compito del nostro settore dunque è riuscire a far fronte alle sfide del mondo esterno, riuscendo a sostenere la crescita dell'affiliazione e di conseguenza dell'economia stessa. 

Guadagnati la fiducia dei consumatori

I consumatori sono sempre più preparati e continuano ad prendere sempre maggior familiarità con i concetti di affiliate marketing, influencer marketing e partnership online, in particolare da quando è diventato obbligatorio per legge dichiarare la sponsorizzazione di contenuti commerciali. Sono quindi maggiormente consapevoli del fatto che quando leggono informazioni riguardanti un prodotto su un blog o via email, l’autore in questione probabilmente è stato pagato per promuoverlo. Questo ha reso i consumatori in qualche modo più cinici e selettivi, disponibili ad ascoltare solo coloro di cui si fidano. Tenerlo sempre a mente quindi aiuterà tutti coloro che lavorano nel settore.

Instaurare relazioni

L’anonimato non è più accettabile quando si fanno acquisti online: le persone vogliono sapere esattamente da chi stanno acquistando. Questo si ricollega a quanto detto prima: creare legami e relazioni che durino nel tempo è la base per ottenere fiducia e aiuterà anche i publisher a capire più velocemente che cosa vuole la loro audience. Sebbene costruire relazioni richieda tempo, sia le campagne che i programmi beneficeranno da questa connessione di lungo periodo con il proprio pubblico.

Un modo per ottenere questa fiducia è fornire informazioni gratuite e utili ai potenziali clienti all’inizio, e poi, al momento giusto del percorso d’acquisto, dimostrare che i prodotti offerti possono effettivamente aiutare i consumatori a risolvere un problema.

Contenuti

Per avere una campagna e un programma d’affiliazione di successo bisogna sempre offrire ottimi contenuti. E’ l’abc! L’importanza di messaggi completi e innovativi, pensati appositamente per il proprio pubblico, non può e non deve essere sottovalutata. Campagne marketing con un copy originale e accattivante raggiungono più facilmente elevati tassi di conversione. Grazie a software sofisticati e tecnologie che permettono di testare le pagine, questo compito sarà ancora più facile, lasciando il tempo di concentrarsi sulla creazione dei giusti contenuti per la propria audience e mostrando le reali potenzialità del business.  

Focalizzarsi sulla produzione di contenuti in-house, realizzati in autonomia e modellati appositamente sulla base delle esigenze degli utenti (in particolare se si parla di un servizio che offre un valore aggiunto gratuito) aiuterà i professionisti del digital a migliorare i risultati delle proprie campagne. Sarai sempre un passo davanti agli altri.

Attenzione quindi al copy, all’inserimento di keyword e backlink, tutti elementi essenziali per migliorare SEO e traffico e quindi, in ultima istanza, le conversioni. No invece a riempitivi o materiali e testi esclusivamente commerciali (magari con tanto di pricing).  Tutto questo è importante perché darà alle tue lead un motivo per continuare a leggere i tuoi contenuti e a conoscere brand e prodotti.

Storie

L’engagement è ovviamente un fattore chiave per le conversioni, e dovrebbe essere incoraggiato grazie all’utilizzo di storie vere, statement, testimonianze e case study, tutto per aumentare credibilità. Ai consumatori non basterà conoscere il punto di vista dei publisher, ma vorranno testimonianze credibili in grado di dimostrare come e perché proprio quel prodotto possa essere quello giusto per loro.

Strumenti

Secondo i maggiori esperti di affiliate marketing, le fondamenta del settore non cambieranno nell'immediato. Quello che continuerà ad evolvere sono piuttosto le tecnologie e i media che i network usano via via per promuovere le offerte, come video, audio, podcast e contenuti sempre più lunghi.

Gli strumenti esistenti, come bot basati sull’intelligenza artificiale che chattano online e email automatiche, continueranno ad avere un ruolo importante all’interno della cassetta degli attrezzi di qualsiasi professionista di marketing, mentre presentazioni online, Facebook Live e Google Hangouts saranno probabilmente utilizzati per coinvolgere l’audience in un modo diverso e più spontaneo.

Ulteriori sviluppi di intelligenza artificiale e machine learning renderanno più facile acquisire nuovi clienti. Google e Facebook hanno introdotto meccanismi sofisticati in grado di individuare da soli l’audience di riferimento e che aiutano tutti coloro che utilizzano annunci a pagamento a trovare nuovi clienti, con sempre maggior precisione e minori spese.

Canali di marketing

Data tutta questa importanza che ricoprono le relazioni, è ovvio che gli inserzionisti si concentreranno maggiormente sui canali di marketing che permettono di entrare in contatto con tutti quei consumatori che hanno già dimostrato interesse per un brand e i suoi prodotti. Questi ad esempio includono retargeting e remarketing, piattaforme social e motori di ricerca, il tutto grazie ad algoritmi sempre più precisi e dinamici. L’intelligenza artificiale e la tecnologia da essa supportata saranno probabilmente sempre più facili da utilizzare, con conseguenze sicuramente positive per un business come il nostro.

Anche la strategia di “blogger outreach” sta conquistando sempre più popolarità. Consiste nel lavorare con influencer per costruire una rete di ambassador del brand, in grado di auto supportarsi e raggiungere così sempre nuovi consumatori. Creare relazioni con altri professionisti del marketing conosciuti ed influenti garantisce l’accesso a nuovi mercati e nuove audience e aiuta a costruire fiducia e autorevolezza.

Micro-influencer

Questa è un’altra tipologia di marketing destinata a crescere, che sta attirando l’attenzione delle aziende. I link di affiliazione diventeranno sempre più frequenti sulle piattaforme di social media, permettendo alle persone più diverse di lavorare con l'affiliate marketing o di entrarvi in contatto. Se sei alla ricerca di informazioni su come lavorare al meglio sui social e con l'affiliazione assicurati di seguirci sul nostro canale Twitter. Ad esempio abbiamo appena condiviso questo interessante articolo proprio su Instagram. 

Social media

I social media, odi et amo degli utenti di tutto il mondo, negli ultimi due anni hanno dovuto affrontare diversi problemi tra cui fake news, account falsi e mancanza di privacy.  Facebook ha annunciato che la sua piattaforma sarebbe ritornata alle proprie radici nel 2019, ricominciando ad essere principalmente uno strumento per connettersi con amici e familiari. Questo ha indotto alcuni affiliati a chiedersi che impatto ciò avrebbe avuto sulle proprie attività pubblicitarie. Il successo dei social media non dovrebbe basarsi sul numero di follower e condivisioni, ma piuttosto sulla fiducia che gli utenti dimostrano di avere verso un determinato brand e come la comunicano proprio grazie alle piattaforme digitali. Chi condivide informazioni utili e di qualità, attira nuovi follower (se ancora non si fosse capito) e di conseguenza nuove condivisioni. 

User experience

Il tuo utente è più importante di Google. Ottimizza tutte le landing page pensando prima ai visitatori, piuttosto che ai web crawler. La pagina dovrebbe caricarsi velocemente e comunicare subito le informazioni più importanti, senza doverle andare a cercare. Migliore sarà la user experience, più alto sarà il posizionamento sui motori di ricerca.

I publisher dovrebbero ovviamente preferire programmi di affiliazione di merchant con un sito di buona qualità, che dia importanza alla user experience e pertanto faciliti le conversioni future. Sì quindi a brand che puntano a costruire autorevolezza nel loro mercato di riferimento, offrendo soluzioni ai problemi dei propri utenti.

Siti responsive

Secondo ComScore, gli utenti che navigano su internet esclusivamente da mobile sono molti di più di quelli che vi accedono solo da desktop. Avere un sito mobile responsive è cruciale, specie per gli algoritmi di Google, ovvero chi ne determina l'effettivo posizionamento. Usabilità e velocità stanno divenendo sempre più importanti, quindi anche i publisher devono assicurarsi che tutte le property performino in modo eccellente, sia su desktop che su tutti i dispositivi mobile. All’inizio di quest’anno, Google ha lanciato il primo algoritmo mobile-first, sottolineando quindi l’importanza di una mentalità in ottica hand device, per tutte le piattaforme.

Distinguetevi

Essere diversi e pensare “out of the box” sarà decisivo per anticipare trend ed evoluzioni future, dato che l’audience chiame sempre più originalità e nuove idee. Le vostre campagne di marketing dovranno essere creative e uniche, nulla deve essere lasciato al caso. Attenzione quindi ai dettagli, a partire dal visual fino ad arrivare ovviamente al testo e alla scelta dei prodotti e servizi pubblicizzati..

GDPR

Il GDPR ha compiuto da poco un anno, ed è evidente quanto il suo impatto continuerà ad essere significativo, su tutti i player online. Alcuni dei business più piccoli faticano ancora a gestire questi nuovi obblighi, sia per quanto riguarda i costi che i requisiti legali in sé. L’affiliate marketing stesso ha tra i suoi attori publisher di diversa grandezza ed esperienza: imprenditori, freelance ma anche colossi del mondo dell’editoria. Ovviamente per le aziende più grandi è più facile allestire agevolmente le infrastrutture necessarie per rispettare i nuovi regolamenti, rimanendo competitivi, un trend comune a tutti i paesi. Anche i business agli inizi però possono, anzi devono, rimanere informati e chiedere supporto ove necessario.  

Visione a 360°

Justin Cooke, fondatore di Empire Flippers, ha dichiarato di voler vedere sempre più siti di publisher che adottino nei confronti dei propri visitatori una “visione olistica”,  agendo da veri e propri consulenti di shopping per i loro consumatori - fonte.

Questi ultimi infatti vogliono essere sicuri di essere al centro dei brand di cui si fidano. Avere una visione di insieme sarà un aspetto cruciale per il successo a lungo termine di chi lavora con l’affiliazione, e questo significa organizzare tutti i canali coinvolti secondo una strategia strutturata basata su un obiettivo comune. Questo si potrebbe tradurre in un aumento di campagne via email, con l’utilizzo di drip campaign personalizzate, segmentate e altamente profilate.

Per concludere

L’affiliate marketing quindi sta iniziando a dare sempre maggiore attenzione alla customer experience. Trovare il proprio ambito di expertise, divenire il punto di riferimento del settore, fare link building e garantire ai consumatori sempre un’ottima user experience, sono i fattori che garantiranno partnership durature.

Articoli correlati