Come impostare le tue commissioni

  • Scritto da

Scoprite come creare una struttura remunerativa ottimale, cosa considerare per impostare le commissioni dei publisher e quali sono gli strumenti che offriamo.

Condividi

Il successo del vostro programma di affiliazione non dipende solo dalla qualità e dall’interesse suscitato dal vostro prodotto, ma anche dai publisher che lo promuovono. Naturalmente, per prima cosa i publisher controlleranno che la vostra offerta sia adatta al loro target e alla loro piattaforma. Allo stesso modo, però, faranno un’analisi costi-benefici per capire se valga la pena promuovere il vostro programma. Ecco perché è importante trovare un equilibrio tra i tassi delle commissioni di affiliazione e la remunerazione.

Cosa sono le commissioni?

I valori delle commissioni determinano la somma che viene pagata a un publisher per generare lead, vendite o qualsiasi altro obiettivo concordato, come i download, i clic oppure la visibilità.

Le commissioni di affiliazione possono essere pagate su base fissa o a percentuale e spesso includono un bonus (solitamente legato a obiettivi prefissati) in aggiunta al tasso di commissione standard.

I tipi più comuni di commissioni di affiliazione sono:

  • Cost Per Acquisition (CPA), ovvero la cifra che un advertiser è disposto a pagare per una vendita. La tipologia cost per acquisition può essere fissata in percentuale o valore fisso.
  • Cost Per Lead (CPL), quando un advertiser paga al publisher una quota pattuita per ogni lead valida, remunerandolo così per le iscrizioni alla newsletter, le richieste di brochure oppure altre azioni quantificabili. Per questo tipo di transazioni la commissione è sempre fissa.
  • Cost Per Download (CPD), quando gli advertiser pagano per i download delle app.
  • Cost Per Click (CPC), un modello di pagamento nel quale gli advertiser pagano per ogni clic effettivo agli annunci pubblicitari che portano gli utenti nel loro sito oppure a un’offerta specifica.
  • Un bonus solitamente è una remunerazione monetaria corrisposta ai publisher che hanno raggiunto una buona performance, ma può anche essere usato per attirare affiliati grandi e strutturati e spingerli a promuovere il vostro brand.

Quanto dovrebbero essere pagati i publisher?

Prima di stabilire la vostra struttura commissionale potrebbe essere utile dare un’occhiata ai tassi di commissione dei vostri competitor e calcolare il vostro margine di profitto. Un altro metodo, seppur più complesso, consiste nell’includere nel calcolo anche il customer lifetime value (CLV) dei clienti raggiunti dagli affiliati. Verificate la frequenza di acquisto dei clienti acquisiti grazie agli affiliati e il valore medio del loro carrello. Leggete il nostro approfondimento su come determinare il customer lifetime value per avere maggiori informazioni in merito.

In sintesi, per fissare le commissioni di affiliazione da pagare ai publisher dovreste considerare i seguenti fattori:

  • Competitività: controllate quanto stanno pagando i vostri competitor nei loro programmi di affiliazione, poiché per i publisher il livello commissionale rappresenta l’aspetto cruciale per decidere quale programma promuovere.
  • Trasparenza: assicuratevi che i publisher abbiano ben chiaro quanto saranno pagati e per cosa, e che pagherete sempre quanto pattuito.
  • Commissioni sul margine: alcuni gruppi di prodotto hanno margini di profitto più elevati, altri più bassi; si tratta di un elemento da considerare quando si determinano le commissioni di affiliazione. Tuttavia, nel caso in cui ci siamo campagne e promozioni ricorrenti, non è sempre il massimo andare a pagare commissioni più alte. Assicuratevi di lasciare spazio ad aumenti in base a campagne specifiche,.
  • Customer value: per pagare commissioni di affiliazione eque è importante conoscere il customer value generato dagli affiliati. Scoprite quali clienti sono stati indirizzati verso il vostro sito, l’effettiva conversione e il valore che stanno generando per il vostro
  • Remunerazione delle interazioni dei clienti: una conversione non è solo una vendita. Le iscrizioni alla newsletter, i download di una app oppure la partecipazione a una lotteria a premi possono essere azioni considerate e pagate come lead.
  • Awin Assist: in genere i publisher sono remunerati con una commissione alla fine del customer journey. Tuttavia, la parte alta del funnel è altrettanto importante. Lavorate con commissioni “per assist” ovvero sulla base dell’apporto che un determinato publisher ha dato alla vendita, pur non essendo il last click. Saranno così supportati anche i publisher all’inizio del customer journey.
  • Attribuzione delle commissioni: per un’allocazione delle commissioni ancora più dettagliata potete utilizzare una soluzione di attribuzione come SingleView, che offre ulteriori approfondimenti su tutto il percorso di conversione del cliente. Consente di prendere decisioni basate sui dati vedendo i partner che stanno creando maggiore valore per la vostra attività, il modo in cui i canali online stanno lavorando in sinergia tra di loro e quali tassi di commissione sono più adatti alla vostra situazione attuale.

Come impostare le commissioni su Awin

Gli strumenti di Awin relativi alle commissioni  offrono una gamma di opzioni di pagamento flessibili, che vi permettono di collaborare con diverse categorie di publisher e su diverse campagne mantenendo al tempo stesso il controllo del vostro ROI.

Non dovete far altro che accedere al vostro account, andare alla tab “Commissione” e scegliere l’opzione più adatta alle vostre esigenze. Per iniziare, usate il Commission Manager per impostare i gruppi e i tassi di commissione dei publisher.

  • Commission Manager: il tool di Awin per la gestione delle commissioni dei publisher vi offre la massima flessibilità per gestire le commissioni di affiliazione.
  • Commissioni per valore carrello: questo tool vi permette di scegliere un tasso di commissione specifico in base al valore dell’ordine.
  • Commissioni per assist: con lo strumento per le commissioni per assist potete creare un’impostazione per remunerare i publisher che hanno contribuito a una vendita.

Per ulteriori informazioni visitate le pagine wiki sulle Commissioni per valore carrello e le Commissioni per assist, oppure leggete l’articolo sul Commission Manager.

Articoli correlati