Awin Publisher Story: Bantoa

  • Scritto da
  • .

Francesco Calzà e Manuel Ferrigno ci hanno parlato della loro creatura Bantoa, la prima piattaforma italiana di social fashion che presenta i capi d’abbigliamento non divisi in categorie, ma direttamente in abbinamenti completi e accessoriati. L’affiliate marketing è stato una costante fin dall’inizio del loro business…

Condividi

publisher, shopping directory, content

Raccontateci un po’ di voi: da quanto tempo avete iniziato ad avvalervi dell’affiliate marketing e come avete iniziato? 

Utilizziamo l’affiliate marketing fin da quando il nostro prodotto era in fase di test, ovvero parliamo dell’inizio del 2015. Fin da subito abbiamo identificato l’affiliate marketing come la migliore soluzione per monetizzare il nostro progetto, senza invasività o costi per l’utente. Abbiamo iniziato con Amazon ma siamo poi passati a Awin, perché la scelta di advertiser e il servizio fornito era decisamente di un altro livello.

Quanto tempo ci è voluto per realizzare la prima vendita?

La prima vendita è arrivata subito, così come la seconda e la terza…e questo ci ha permesso di capire davvero nel giro di pochi giorni le innumerevoli potenzialità dell’affiliate marketing. (Devo aggiungere però che la mattina seguente ho scoperto che la primissima vendita era stata realizzata da Manuel, il mio socio.)

Quali sono gli strumenti e le tecnologie che vi hanno aiutato di più a generare vendite?

L’utilizzo dell’ADV su Facebook è stato sicuramente lo strumento numero uno. Trovare l’equilibrio perfetto tra il CPC pagato su Facebook e il CPC incassato attraverso la nostra attività di affiliazione con Awin, ci ha permesso di far crescere esponenzialmente il traffico su Bantoa sempre in maniera sostenibile e controllata.

Quando avete deciso di iniziare a lavorare a tempo pieno al tuo sito?

Abbiamo deciso di lavorare full-time al nostro progetto non appena le entrate sono diventate sufficienti per garantirci una sostenibilità economica. Era il nostro desiderio fin da subito e nell’arco di meno di un anno siamo riusciti a realizzarlo. Abbiamo mollato qualsiasi altro progetto o lavoro dipendente e ci siamo buttati a testa bassa su Bantoa.

Quali sono le difficoltà che avete dovuto affrontare nel vostro percorso? 

Le sfide sono state molteplici e tutte intriganti, dal trovare i programmi giusti per il nostro target, al capire come presentare al meglio i prodotti, alle trattative con i nostri partner, alla gestione dei picchi di traffico.

Le sfide ci sono ogni giorno ed è proprio quello che ci affascina di questo progetto, in continua evoluzione, sempre vivo, mai fermo o monotono.

Dicci un’esperienza singolare o divertente che vi è capitata durante la vostra carriera nel settore:

Ricordo sempre con il sorriso quando all’inizio dicevamo ai nostri amici di passare su Bantoa prima di fare i loro acquisti su Zalando, in modo da prenderci la commissione…a quei tempi fare 3-4 ordini al giorno era un successone! Ora invece ne facciamo centinaia ogni giorno, ora ai nostri amici offriamo i coupon esclusivi che Zalando ci mette a disposizione.

Qual è la lezione più importante che avete imparato e che volete condividere con i vostri colleghi publisher? 

L’affiliazione non è semplicemente un’alternativa ai classici sistemi di banner, ma un vero e proprio meccanismo per promuovere i prodotti di altri negozi, anche grandi e famosi e partecipare ai loro guadagni. Se trovi quel qualcosa che agli utenti manca, quel servizio aggiuntivo, e lo confezioni bene, puoi diventare un vero e proprio partner di questi grandi player, crescere con loro sfruttandone la scia e decollando.

Condividi